Stomatologica, poliambulatorio privato. A Ravenna.

Visita Ginecologica

GINECOLOGIA

La visita ginecologica è una controllo fondamentale per la salute della donna.
Per prevenire malattie a carico dell’apparato genitale andrebbe effettuata almeno una volta all’anno e ogni qualvolta la paziente sospetti o presenti un problema ginecologico (algie pelviche, perdite vaginali, alterazioni del ritmo mestruale, etc…)
L’esecuzione della visita ginecologica ha infatti lo scopo di diagnosticare e quindi gestire clinicamente, con terapie adeguate, le malattie dell’apparato genitale femminile che possono compromettere il benessere della donna nelle varie età della vita: adolescenza, età adulta, menopausa. In particolare il compito del ginecologo è riconoscere ed affrontare:

malattie infettive e infezioni dell’apparato genitale femminile
malattie dell’utero e dell’ovaio (fibromi, alterazioni del ciclo, neoplasie, alterazioni anatomiche e/funzionali)
infertilità e sterilità
contraccezione
alterazioni ormonali (endocrinologia ginecologica)

Gli strumenti che il medico-ginecologo ha a disposizione sono molteplici, clinici e strumentali: ecografia (addominale e vaginale), colposcopia, ecc…

La visita si divide in tre momenti:
Un primo colloquio con il ginecologo ha lo scopo di raccogliere la storia clinica fisiologica e patologica della paziente.
La seconda fase consiste nella visita propriamente detta: attraverso la visita bi-manuale si apprezzano gli organi pelvici (utero ed annessi) mentre mediante lo speculum si può studiare la portio uterina ed eventualmente eseguire un esame citologico (pap-test).
Infine si esegue l’esame del seno, prima mediante un controllo ispettivo e quindi con la palpazione vera e propria allo scopo di evidenziare eventuali formazioni anomale e/o patologiche.

FISIOPATOLOGIA DELLA RIPRODUZIONE

Negli ultimi anni sempre più coppie si rivolgono al ginecologo per affrontare i problemi della sterilità (incapacità di concepire) e della infertilità (difficoltà a completare la gravidanza).

Il ginecologo con specializzazione in Fisiopatologia della Riproduzione si avvale di specializzate tecnologie biomediche che gli permettono non solo di diagnosticare quali siano le cause di questi problemi, ma anche di adottare strategie terapeutiche specifiche.

Da una attenta valutazione della coppia si arriva infatti all’esecuzione di esami specialistici mirati, come lo studio della funzione riproduttiva tramite dosaggi dei livelli ormonali, lo studio della pervietà tubarica nella donna o l’esecuzione dello spermiogramma nell’uomo. Il passo successivo è caratterizzato dalla scelta della procedura terapeutica più adeguata: inseminazione artificiale omologa, fecondazione in-vitro, fertilizzazione in-vitro con tecnica ICSI)