Stomatologica, poliambulatorio privato. A Ravenna.

Diagnostica per immagini

Radiologia
In anni recenti e’ stata introdotta una diversa metodologia d’acquisizione volumetrica chiamata TCCB/CBCT (Tomografia Computerizzata Cone Beam) è l’ evoluzione della TAC (tomografia assiale computerizzata) ma ha una dose di radiazioni cinque volte inferiore alla TAC tradizionale.Per ora è poco diffusa per gli altissimi costi  dell’ apparecchiatura essa esegue una ricostruzione reale tridimensionale delle strutture craniali senza errori. L’ottima qualità delle immagini e sopratutto bassissima dose di radiazioni, sono tali da poterle usare di routine in tutta sicurezza anche nei bambini.
L’acquisizione volumetrica, rispetto ad un’acquisizione radiologica convenzionale, piana, permette di avere un’infinita quantità d’informazioni in virtù del fatto che viene ottenuto il volume virtuale della parte anatomica da esaminare. Grazie a questa possibilità, l’odontoiatra, ortodontista, l’otorino-laringoiatra, il chirurgo orale, il chirurgo maxillo-facciale e ogni altro specialista che lavora in ambito cranio facciale, ha la possibilità di poter interagire in modo virtuale con le parti anatomiche interessate per poter trarre tutte le informazioni necessarie per la diagnosi e la pianificazione del trattamento.

L’indagine TC volumetrica è oggi realizzata, negli apparecchi più moderni come quello di cui si è dotato il nostro Centro, mediante impiego di un sistema non molto diverso da quello di un’apparecchiatura per la radiografia delle arcate dentarie (ortopantomografia). Il paziente quindi non deve entrare all’interno di un tubo o coricarsi dentro un apparecchio. La raccolta dei dati volumetrici richiede una immobilità molto breve, di 15-20 secondi circa, e la loro rielaborazione da parte del computer richiede poco più di 3 minuti.
Nella moderna terapia implantoprotesica l’esame radiologico è fondamentale perché è l’unica indagine che permette di studiare bene le ossa mascellari del paziente per inserire in maniera corretta gli impianti dentari.
I moderni protocolli implantologici, compresa la tecnologia computer assistita, prevedono che il paziente, dopo esami di primo livello bidimensionali come ad esempio la radiografia endorale e la ortopantomografia, esegua un esame radiologico che permetta di studiare tridimensionalmentel’anatomia ossea della bocca del paziente.
Questo tipo di esame permette di pianificare ove è possibile, la progettazione dei supporti implantari nelle loro inclinazioni e posizioni precise senza dovere fare interventi invasivi di scopertura dell’osso al fine di rivelarne l’anatomia cosi detti interventi flapless e sempre nei casi che lo permettono il posizionamento di un provvisorio fisso immediato.

La TC volumetrica dentalscan ci permette di ottenere immagini delle strutture mandibolo-facciali secondo qualsiasi piano di sezione, compresi i piani trasversali all’arcata dei denti, e di “navigare” con il computer all’interno

Altre importanti applicazioni di questa tecnologia sono l’esame dei tessuti prima dell’intervento di estrazione del dente del giudizio per vederne il rapporto col nervo mandibolo-facciale , nell’esame delle articolazioni temporo mandibolari in endodonzia i rapporti fra le strutture ossee e gli elementi dentari inclusi, solo per citarne alcune delle innumerevoli applicazioni che questo tipo di radiografia può avere.